forex trading logo
    La follia esplode come un vulcano, così, quasi improvvisamente.

Inglese

Novità!


 

Attenzione, attenzione!

E' nata la
Via degli Etruschi
pensata e realizzata dall'associazione "La Via degli Etruschi" è ora interamente percorribile.
Per maggiori informazioni www.laviadeglietruschi.it


 

Hai visto STEVIA?

Clicca qui

 



 

E'  nato il

CLUB DELL'AMICIZIA

 



THE NEWS!

Le immagini della "FESTA DEL CAPPELLO"

E DI TUTTE LE INIZIATIVE

pensate,realizzate e vissute con PIACERE

 


 

Prato ed il suo museo diffuso di arte contemporanea

Clicca qui!


 

Didattica: IL FUOCO

Clicca qui!

 

 


 

La bottega dello spirito

Clicca qui!



Chi ci ha visitato

Home Le piante amiche ERBA DELLA PAURA
ERBA DELLA PAURA PDF Stampa E-mail

 

Stachys_recta_1

Stachys recta L. o Siderite

famiglia : Labiateae

Nella tradizione popolare particolarmente toscana (con nomi e aspetti diversi anche in altre regioni ,come certe zone dell'Emilia) viene ancora  usata " L'erba della Paura".

Da tempi immemorabili,sicuramente fin dal periodo etrusco-romano, si era consapevoli che profonde emozioni LASCIAVANO UN SEGNO ENTRO DI NOI (oggi parliamo di produzione eccessiva specialmente di adrenalina che eccita, esalta e se non smaltita con l'urina-dopo la paura si fa pipì- o con la sudorazione ed in parte con le lacrime del pianto, può esercitare a lungo la sua azione eccitatoria con tensioni, dolori, ansie etc. ) in una forma quasi " solidificata",incapace di modificarsi. Essendo, nel passato il concetto solido,di pietra,  collegato ad una figura geometrica considerata particolarmente rigida, in particolare il cubo, si  ricorreva a questa figura geometrica per esprimere certi stati  psico-fisici quasi "bloccati", ad es. in-cubo.

Questa pianta sembrava dematerializzare, toglire la solidità, la fissità della situazione rendendo fluida la condizione attraverso  una azione quasi magnetica, siderale: da qui il nome Siderite.

Sembra infatti che le sostanze contenute in essa "complessino " il sistema adrenalinico nel lavaggio asportandolo (Tolga la paura). Ciò si  rivela nell'acqua di lavaggio che si ispessisce  dopo il trattamento producendo nell'acqua degli agglomerati di aspetto di borraccina.

La pianta,erbacea che cresce spontanea in luoghi asciutti e soleggiati, si raccoglie preferibilmente a giugno riunendo a mazzetti le sommità fiorite e seccandoli all'ombra.

800px-Lamiaceae_-_Stachys_recta-1
leo-mic-Stachys-recta-1482

 

                  Preparazione ed uso tradizional-popolari

Una manciata di erba secca si fa sobbollire in 2-3 litri di acqua(in alcuni luoghi aggiungono pezzetti di pane,sale e ramoscello di ulivo) per circa mezz'ora. Si raffredda fino a tiepida e con essa si lava faccia, collo braccia e gambe (esprimendo contemporaneamente invocazioni-preghiere che qui non voglio menzionare).Il lavaggio si ripete per tre volte e per tre giorni consecutivi. L'effetto visivo agglutinante evidente la prima volta si attenua fino a scomparire. Se fin dal primo momento non si verifica vuol dire che "la paura" è già stata smaltita, ma comunque si avrà un effetto di rilassamento specialmente notturno.

Nelle nostre campagne viene usata anche oggi, oltre che per lenire le forti emozioni subite dagli adulti, nelle paure notturne dei bambini e negli incidenti frequenti  dei ragazzi .

 

Personalmente ritengo che un "lavaggio" tradizionale possa contribuire ad attenuare stati di tensione emotiva.

 

Ultime notizie

I più letti


Per informazioni: enzo@salben.it
Powered by Sharkwave.net.